Pubblicato il: 31/01/2011 - Autore: Carlo Valente x Infomotori.com

Moto Guzzi svela la V7 Scrambler

A sorpresa la casa del Gruppo Piaggio svela all'incontro internazionale di Montecarlo dedicato ai dealer una succosa novità per rilanciare il marchio dell'Aquila

Si è svolto la settimana scorsa a Montecarlo l'incontro internazionale con tutti i dealer del Gruppo Piaggio e, oltre ad essere un'occasione per fare il punto della situazione, l'evento è stato anche teatro di una presentazione a sorpresa che ha lasciato i quasi duemila delaer presenti al Grimaldi Forum a bocca aperta: infatti Roberto Colaninno ha tolto i veli a una Moto Guzzi V7 Scrambler.

Dalla linea decisamente classica, ma sempre di grande fascino, la Moto Guzzi V7 Scrambler si sviluppa attorno al noto moto telaio della V7 Classic dotato del propulsore della serie "small block" da 750cc. Cromature, ruote a raggi e pneumatici artigliati ne fanno una moto che, negli anni Sessanta sarebbe stata battezzata con il nome di "Regolarità" come la famosa 175 Lodola che questa Scrambler ricorda nella soluzione del faro basso con la strumentazione integrata. Di particolare pregio il sistema di scarico completo con i due silenziatori rialzati e affiancati che caratterizzano lo stile di questo prototipo Moto Guzzi Scrambler.

La V7 Scrambler rappresenta una novità assoluta mai svelata prima che va verso una direzione precisa: dopo il successo di moto dallo stile classico, vintage come direbbero gli appassionati del genere, come la Triumph Bonneville, la sua versione giapponese sotto la forma della Kawasaki W800 ed il ritorno sul mercato addirittura della Norton 961 Commando, anche Moto Guzzi sembra decisa a impegnarsi su questo segmento, dopo il lancio ufficiale della V7 Racer lo scorso autunno e forte di una esperienza, e di un prestigio, di assoluto rilievo. Certo non porta a qualcosa di nuovo, ma sarebbe davvero un controsenso (e anche allarmante!) se una moto dal forte sapore retrò portasse una ventata di novità.