Assicurazioni moto

Con l'arrivo della bella stagione, è importante sapere come assicurare la propria moto e quali offerte scegliere, confrontando costi e vantaggi

Tutti coloro che sono in possesso di un motociclo devono necessariamente stipulare una polizza assicurativa per i danni di responsabilità civile eventualmente cagionati a terzi dalla circolazione del motoveicolo assicurato. Questa polizza prende il nome di RC Moto.
Sono due i soggetti della polizza, ovvero il contraente e l’assicurato. Il contraente è colui che stipula il contratto mentre l’assicurato è il pilota e/o titolare del motociclo. Soprattutto quest’ultimo fattore è molto importante, in quanto il titolare del motociclo è responsabile, in caso di sinistro, tanto quanto il conducente del mezzo, a meno che il titolare stesso non provi inconfutabilmente che il mezzo circolava contro il proprio volere.
La società assicuratrice invece si impegna a risarcire tutti i danni arrecati dall’assicurato all’interno dell’Unione Europea, mentre se chi causa l’incidente non è assicurato, non solo rischia il sequestro del mezzo ed una multa fino a 2.754 euro, ma dovrà anche risarcire tutti i danni provocati dall’incidente da lui causato.
Stipulata quindi la polizza stessa, il contraente dovrà tenere all’interno del motociclo la ricevuta dell’avvenuta assicurazione, dove devono essere riportati numero di targa del mezzo assicurato, nome della compagnia assicurativa, nome del proprietario, numero del contratto e validità della polizza, a seconda quindi che sia semestrale o annuale.
Spesso e volentieri i prezzi dell’RC Moto variano considerevolmente tra una compagnia e l’altra, e per questo può essere buona cosa, prima di stipulare una polizza, confrontare il mercato con preventivi sia fisici che online.

- Autore Infomotori





X