Ducati Scrambler: il rendering di Infomotori

Il deisgner Luca Bar immagina con il suo render come potrebbe essere la versione aggiornata della Scrambler, che la casa di Borgo Panigale starebbe aggiornando in occasione di Eicma 2011

Ducati Scrambler
Il modello Scrambler è il simbolo di una generazione che intendeva la moto come mezzo di evasione, saltando dalla strada alla campagna con destrezza. Molto in voga nel secolo scorso negli anni ’70, per scorrazzare tra le strade di campagna e fare quattro salti negli sterrati meno impegnativi.

Sviluppo della nuova Ducati Scrambler
A marzo scorso Claudio Domenicali, responsabile del prodotto in Ducati, aveva confidato che nelle officine di Via Cavalieri Ducati a Borgo Panigale i tecnici stavano lavorando sullo sviluppo di un nuovo modello. In fondo, ci sarebbe un trend di mercato che si sta orientando verso le classic, segmento al quale appartiene anche la scrambler.

Il render di Luca Bar della Ducati Scrambler
Il desiger Luca Bar ha quindi immaginato una futura versione della Ducati Scrambler: il serbatoio è stato preso dall’ultima generazione del Monster, mantenendo le due prese d’aria laterali. La sella e la parte posteriore, con il parafango rialzato, sono fedeli alla versione anni ’70.
Rispetto al Monster, sono state apportate delle modifiche al manubrio, allargato per un maggior controllo, alla forcella, con un generoso viaggio e gomme tassellate montate su cerchi a raggi. Niente doppio scarico laterale come tradizione ma una singolo, posto come sempre di poco sotto la sella e ben rumoroso.
Rispetto alla versione d’origine, Luca Bar ha previsto un monoammortizzatore al posteriore.
Per quanto riguarda il motore, è stata scelta una meta di quello della Multistrada 1200 per ottenere un 600 cc buoni un po’ per tutto(350 o 450 in origine), ma non poteva non rimanere monocilindrico.
Da questo esercizio di stile tra Luca Bar e LuSca Custom Design è uscita anche un’altra versione, una Street Tracker estrema che rispetto alla Scrambler di Luca Bar si differenzia per le  gomme stradali, il manubrio più basso, il codone mozzato e la forcella anteriore con una escursione inferiore per un look agile.

Il ritorno sul mercato delle Scrambler?
Ducati iniziò negli anni ’70 la pruduzione della sua Scrambler 350 ma molte altre scrambler si ricordano come Gilera, Moto Guzzi, Moto Morini, MV Agusta e Triumph.
L’inverno scorso per esempio la casa di Mandello al Lario aveva presentato, in occasione dell’incontro internazionale con i propri concessionari, un concept scarmbler derivato dalla classic V7.
Cosa ve ne pare del render di Luca Bar? E di un ritorno sul mercato delle scrambler?

 

- Autore Infomotori