Eicma 2016: le novità Honda

Come sempre ricca di novità la partecipazione di Honda al Salone del Motociclo di Milano. Cambiano gli scooter Visione e SH, viene aggiornata la naked CB650 e CBR650F, arrivano gli enduro CFR250L e CFR250Rally, ma i riflettori sono puntati sulla CBR1000RR Fireblade 25° anniversario e, soprattutto, il nuovo X-ADV: lo scooter da off road.

Come ogni anno Honda sbarca a Milano con tante interessanti novità, tra cui spicca senza dubbio il nuovo X-ADV: uno scooter da off road decisamente difficile da catalogare. Honda ci ha già abituato da tempo alle commistioni fra i generi (vendi Integra), ma stavolta si sono davvero superati. Il nuovo X-ADV sarà certamente una delle più discusse novità dell’edizione 2016 del Salone del Moticiclo di Milano, e per questo vale la pena partire proprio da qui.

Honda X-ADV
Nato in Italia da menti italiane, la nuova proposta (non sappiamo ancora bene come chiamarlo…) di casa Honda si chiama X-ADV ed è destianto ad aprire un nuovo segmento di mercato: gli scooter off road. Di fatto siamo di fronte a un mezzo eclettico, che nasce dall’idea di unire praticità, confort e voglia di libertà che sono proprio i tratti distintivi di due mezzi molto distanti fra loro: lo scooter e la moto da enduro. L’esito, che farà certamente discutere molto, è il nuovo X-ADV e siamo sinceramente molto molto curiosi di provarlo e, soprattutto, di vederlo alla prova del mercato.
Bisogna dire che parlare di scooter è senza dubbio riduttivo: l’X-ADV è mosso da un motore bicilindrico da 745 cc con cambio sequenziale a sei rapporti DCT; telaio in acciaio, sospensioni con lunga escursione, cerchi a raggi, pinze freno radiali e pneumatici tassellati da on/off. La strumentazione digitale richiama le maxy enduro, così come il parabrezza regolabile, mentre nel vano sotto sella trova posto un casco integrale. Il paragone con i Suv del mondo auto è più che immediato, ora vediamo se al clamore suscitato al momento della presentazione seguirà un altrettanto successo di pubblico.

Honda CBR1000RR Fireblade
Compie 25 anni ma non li dimostra affatto… anche perché nel tempo il progetto Fireblade è stato costantemente aggiornato, mantenendo inalterato però fascino e prestazioni al top della categoria. La versione 25° anniversario è stata riprogettata pezzo per pezzo con lo scopo di diminuire il peso e aumentare le prestazioni: il risultato sono ben 15 Kg in meno sul piatto della bilancia e 11 Cv in più, arrivando così a un spaventoso valore di 192 Cv! Un rapporto peso potenza che solo nelle mani di pochi piloti può essere sfruttato… a meno che non sia accompagnato da una dotazione elettronica di primordine che prevede controllo di trazione multilivello, controllo dell’impennata e sollevamento ruota posteriore, freno motore regolabile, ABS di ultima generazione, riding mode per selezionare la modalità di guida e power selector per scegliere l’erogazione della potenza adatta a percorso e capacità del pilota. Il tutto, ovviamente, su una ciclistica derivata dalla MotoGP e che vede lavorare il meglio delle sospensioni Showa.

CB650F
La nuda quadricilindrica che tante soddisfazioni ha regalato a Honda, dal punto di vista commerciale, si rinnova mantenendosi fedele alle caratteristiche che ne hanno decretato il successo: agilità, potenza, affidabilità. La nuova CB650F mantine il suo look minimalista ma viene accentuato ulteriormente lo spirito aggressivo da vera streetfighter… ma non è solo una questione di immagine: la nuova CB arriva a erogare ben 91 Cv, ha un nuovo sistema di aspirazione e scarico, forcella Showa, nuove pinze freno Nissin e fari a Led. Vista dal vero colpisce per le dimensioni compatte che promettono tanta agilità e divertimento.

CBR600F
Anche la media sportiva per eccellenza di casa Honda, la CBR650F, si aggiorna con maggiori prestazioni (91 Cv a 11.000 giri contro gli 87 Cv della versione precedente), un avantreno che si arrichisce con la forcella Showa Dual Bending Valve e freni Nissin. I fari Led e la nuova carena, tanto attillata da sembrare disegnata direttamente sul telaio, regalano a questa splendida sportiva un look filante e grintoso, anche se la CBR continua a essere una delle sportive più versatili del mercato.

CRF250L e CRF250 Rally
Honda non dimentica gli amanti delle ruote tassellate (e come potrebbe, proprio l’anno in cui conquista il mondiale cross e trial oltre a quello della MotoGP!) e propone due mezzi veramente molto interessanti nella famiglia CRF: la 250L e la 250 Rally. Come si può facilmente intuire la differenza tra i due mezzi è soprattutto nell’utilizzo che se ne vuol fare: rivolta all’enduro vero e proprio la prima, votata all’avventura e ai raid la seconda. La 250L si propone come entry-level, ossia come mezzo rivolto soprattutto a chi comincia, ma le sue caratteristiche tecniche e la sua leggerezza la rendono un’arma micidiale nelle mani giuste. La versione Rally poi ripropone lo stile “Dakar” con serbatoio maggiorato, il parabrezza verticale, la strumentazione rialzata e il paramani che viene voglia di saltare in sella e partire!

SH125/150i
Per il 2017 si aggiorna anche lo scooter a ruota alta più venduto di sempre. Pensando alle prime versioni dell’SH sembra quasi impossibile che l’evoluzione lo abbia trasformato tanto, ma anche in questo caso la sostanza non cambia, e il best seller di casa Honda si presenta con le carte in regola per restare a guardare tutti gli altri dall’alto delle classifiche di vendita. Oltre a una linea più moderna, l’SH m.y. 2017 è dotato di luci a Led, Smart-key (e chi utilizza lo scooter in città sa quanto può essere utile!) un vano nello scudo più grande e con presa di ricarica per il cellulare e lo start&stop, che riduce emissioni (è omologato euro 4) e consumi, anche se il motore rinnovato pur avendo prestazioni migliori resta sempre molto parco nel bere.

Vision 110
L’entri level per eccellenza, l’Honda Vision con i suoi 108 cc è uno dei “cuccioli” della casa alata… ma anche lui nel 2017 riceverà il motore eSP con Start&Stop e l’omologazione euro 4, e dietro al nuovo look si trova una pedana più comoda, un posto passeggeri migliorato, una nuova forcella e un più performante impianto frenante. E quando si scende, il casco integrale trova spazio nel vano sottosella, ora apribile con un comodo comando posto sul manubrio.

Forza 125
Si resta nelle cilindrate minori ma si passa alla fascia premium con il nuovo Forza 125. Anche in questo caso l’elenco degli aggiornamenti è importante: Smart-Key, specchi retrovisori riposizionati, ammortizzatori posteriori perfezionati, pneumatici Michelin City Grip motore eSP e omologazione Euro4. Per quanto riguarda lo stile e il confort troviamo gruppi ottici a LED, parabrezza regolabile e una notevole capacità di carico.

- Autore Guido Rubagotti

ADV e News che potrebbero interessarti: