Gilera Runner : Test Ride

Il signore degli anelli a due ruote

Gilera Runner: Test Ride. Vairano di Vidigulfo – Gilera sceglie il circuito di Vairano, in provincia di Pavia per presentare alla stampa specialistica la nuova Gamma Runner. Infomotori.com è andato ad incontrare i protagonisti della giornata:i tre nuovi modelli Gilera Runner 125 VX, 50 PJ e 50 SP. Il via alle vendite lo daranno, a partire dal mese di agosto, i due Gilera Runner da 50 cc, nella versione a carburatore (indicato con la sigla SP), che sarà commercializzato al prezzo di 2.499 euro e nella versione a iniezione PJ a 2.649 euro. Per l’interessante 125 VX 4 tempi bisognerà invece attendere fino ad ottobre e sarà proposto a 3.449 euro.

La famiglia Runner a nudo.. Entriamo più nel dettaglio di questi nuovi modelli Gilera Runner: le linee che li caratterizzano sono molto spigolose e sfuggenti, in un perfetto stile corsaiolo,in costante ricerca della migliore aerodinamicità. Il frontale ospita un gruppo ottico molto generoso in grado di illuminare ampiamente il manto stradale. Alla vista laterale, si fa subito notare la sella molto bassa, caratteristica molto importante per abbassare il baricentro garantendo una più sicura e facile andatura. Rimanendo sempre sul fianco, come non notare la pedana poggiapiedi “occupata” dal tunnel centrale! Gilera utilizza questa soluzione dal 1997, anno in cui ha fatto la sua prima apparizione Runner, e da allora ci sono sempre stati pareri contrastanti su questa trovata, soprattutto vista la comodità d’appoggio della pedana poggiapiedi.
Questa “occupazione” ha chiaramente i suoi vantaggi, non è solamente una trovata estetica. Innanzitutto si evidenzia la comodità del rifornimento visto il posizionamento sul tubo centrale del tappo del serbatoio – di tipo aeronautico – è che non obbliga quindi il “rider” a scendere. D’inverno, quando il freddo ghiaccia la passione anche del biker più incallito, basta aprire le due “bocchette”, posizionate ai lati del tunnel, e un rincuorante getto di aria calda colpirà le infreddolite gambe. A parte gli scherzi, questa soluzione consente al telaio, composto da una doppia culla chiusa in tubi d’acciaio, di transitare un po’ più alto rispetto ai normali scooter garantendo così una rigidità strutturale maggiore; avvicinando così le caratteristiche telaistiche del Gilera Runner, più ad una moto che ad uno scooter.
Continuando il giro “virtuale”, giungiamo infine al posteriore. Anche qui si nota molto l’impostazione sportiva che la case dei due cerchi ha voluto dare a questi nuovi scooter. La coda a punta rispecchia fedelmente quelle delle moto da corsa e il gruppo ottico è così ben incastonato nella carenatura che quasi non lo si nota.

Come si guida Dopo una prima visione statica, ci ricordiamo che siamo ad una prova e quindi saltiamo in sella ai nuovi scooter Gilera e via in pista! Protagonista del test è il Runner 125 VX, con motore monocilindrico Piaggio LEADER 4T di 124 cc con sistema aria secondaria SAS. La potenza offerta da questo motore è di 15 cavalli con una coppia massima di 11.7 Nm a 8.000 giri. Dopo questo mero, ma doveroso piccolo elenco di dati passiamo alle sensazioni di guida. Nelle manovre a motore spento, i suoi 129 kg a secco, si fanno un po’ sentire, ma appena si parte, il Gilera Runner 125 VX sembra abbandonare la zavorra come fosse una mongolfiera e da pesante mezzo diventa molto agile e maneggevole. La sella non è alta ( 815 mm) e garantisce un sicuro appoggio a terra dei piedi anche alle persone non particolarmente dotate in altezza. La posizione di guida è molto comoda, la schiena sta bella dritta senza affaticarsi e la distanza fra la sella e scudo consente molto spazio alle ginocchia evitando così intralci in fase di manovra. La ripresa è buona, ha un bello spunto fin da subito, basta aprire il gas e il motore risponde pronto. In fase di curva il Runner 125 VX si comporta molto bene, anche se bisogna ammettere che se si piega bene, l’anteriore tende un po’ a sobbalzare. E’ altresì vero che l’uso cittadino non prevede determinate manovre e quindi sarebbe anche difficile rilevare questi comportamenti. L’impianto frenante è composto all’anteriore da un disco da 240 mm stretto da una pinza a doppio pistoncino flottante da 25 mm, mente al posteriore il disco è un po’ più piccolo – 220 mm – stretto da una pinza a singolo pistoncino da 30 mm. Il suo comportamento è efficace e garantisce ottimi spazi di frenata, anche premendo a fondo, la frenata è sì decisa ma non si incorre in spiacevoli bloccaggi del posteriore o peggio ancora dell’anteriore!
Le sospensioni sono un po’ durette, in pista hanno fatto una piacevole impressione soprattutto in curva, ma nella giungla cittadina, cosparsa di buche e ciottolati, forse possono affaticare un po’ il guidatore. Questa piccola valutazione sulle sospensione decade se sullo scooter montano due persone o se il bauletto posteriore (opzionale) è ben riempito; in queste condizioni il settaggio diventa ottimale e garantisce una guida comoda.
Disponibilità cromatiche Gilera Runner 125 VX, Runner 50 PureJet, Runner 50 SP, sono disponibili nelle colorazioni pastello Rosso Dragon e Nero Carbon e nella versione metallizzata Grigio Stone. Le due versioni da 50 cc saranno disponibili da agosto ’05 con prezzi che vanno da 2.499 a 2.649 euro, rispettivamente per la versione a carburatore e per quella a iniezione. Per la versione 125 bisognerà invece attendere ottobre, sempre 2005, e si dovranno estrarre dal portafoglio 3.449 euro.

Durante la prova il nostro tester indossa casco, giubbotto e guanti Dainese

Tag:

- Autore Redazione