KTM 350 SX-F

Yamaha rovescia il cilindro della sua 450, KTM lo... rimpicciolisce: la 350 SX-F nasce per unire la maneggevolezza della "duemmezzo" alla cattiveria delle MX1

KTM risponde a tono visto il fermento suscitato dalla nuova Yamaha YZ450F con cilindro ruotato di 180 gradi, e lo fa seguendo una strada diversa. Il ragionamento non fa una piega: le moto da cross 250 sono maneggevoli e veloci in curva, oltre che molto meno impegnative per il pilota, mentre le 450 sono dei veri mostri di potenza ma spesso non riescono a sfruttare tutta la loro cattiveria. Quindi le cose sono due, o si ricorre all’elettronica (dio ce ne scampi) o si cerca il compromesso.
Visto che nel mondo del tassello deve ancora arrivare (fortunatamente) il morbo delle “moto elettroniche facili per tutti“, la strada scelta da KTM passa per una cilindrata intermedia. Opera prima della nuova filosofia è la KTM 350 SX-F, presentata all’EICMA 2009 dopo un lungo lavoro di affinamento sotto gli occhi vigili di Stefan Everts. Si tratta di una moto concepita e sviluppata per l’uso agonistico, infatti non si parla ancora di commercializzazione.

Il motore 350 ad iniezione elettronica è forse la più visibile delle innovazioni, ma c’è anche un telaio tutto nuovo ed una sospensione posteriore con monoammortizzatore assistito da un leveraggio a link. La KTM 350 SX-F sarà l’arma in più del team stellare formato da Tonino Caironi e Max Nagl nel Mondiale MX1 2010?

Tag:

- Autore Infomotori

ADV e News che potrebbero interessarti: