La MV Agusta Bol D’Or con base Brutale 800

La Walt Siegl Motorcycles presenta la MV Agusta Bol D'Or, in un miscuglio tra passato e presente che fa sognare gli appassionati. Per realizzare questa moto, il preparatore inglese ha scelto una MV Agusta Brutale 800.

Walt Siegl, customizzatore del New Hampshire, si è sempre concentrato sulla preparazione delle Ducati, tra le sue moto prefierite “Da ragazzo, mentre stavo in Austria senza aver mai avuto a che fare con Ducati, pensai che il Re di Persia era un uomo di buon gusto: aveva ben  nove MV Agusta” racconta Walt, che ha preparato la Bol D’Or “MV in quel periodo vinceva tutto, il gioiello italiano riusciva a piegare moto inglesi e americani. C’erano poster di Agostini dappertutto”.

La base di questa MV Agusta Bol D’Or è una Brutale 800, che WSM -Walt Siegl Motorcycles- ha rivisto in molte parti lasciando però intatto il cuore tricilindrico. “ho un punto debole per le moto da endurance dei primi anni Ottanta: i grossi serbatoi che possono tenere più di venti litri, la grossa carenatura dietro alla quale ripararsi, il faro decentrato per correre di notte e così via” ha aggiunto Walt “ma il mio cuore batte ancora per le piccole moto italiane, con la loro linea sexy, e così ho cercato di combinare queste due cose”.

Walt ha quindi messo mano al lato estetico della moto, attuando anche una drastica riduzione di peso ma senza toccare telaio e motore, che ha definito “troppo belli per essere storpiati” Le prestaizoni della MV Agusta Bol D’Or superano quelle di una F3 800, a cominciare dal peso di 190Kg per la F3 e solo 155Kg per la Bol D’Or.
“è una bestia feroce che urla come una macchina da F1, e suona così bene da dare i brividi”. Ha concluso Siegl, e noi non stentiamo a credergli. 

- Autore Cosimo Curatola