Piaggio Mp3 – Test Ride

We rode the innovative three-wheeler!

Piaggio launched the first Vespa model – and with it the scooter phenomenon – in the spring of 1946. The scooter revolutionised personal transport, giving Europeans a sense of utter freedom. Sixty years on, Piaggio has come up with another revolutionary product: the Piaggio MP3, a totally innovative three-wheeler with two front wheels. The Piaggio MP3 provides safety, road grip and stability levels that no two-wheeler can match. Power, performance and ease of use make for a very entertaining ride. The two front wheels of the Piaggio MP3 re-define the very concept of ride stability to provide an unprecedented riding experience. The front assembly, with two independent tilting wheels, is far more stable than any scooter. The Piaggio MP3 grips the road even when tailing other vehicles, providing top performance in total safety. The full extent of this three-wheeler’s stability can be tested on wet asphalt or tough riding conditions that would sorely challenge a traditional two-wheeler. In town and city traffic the Piaggio MP3 has no equal in terms of safety. It takes on cobblestone streets, patchy asphalt and tram tracks with the greatest of ease, remaining safe and stable all the while. With its compact super-scooter size and exceptional manoeuvrability, the Piaggio MP3 is at home in town traffic. It’s a cinch to park: an electro-hydraulic suspension locking system means there is no need to put the vehicle on its stand. Cycle The cycle parts are the key element of the Piaggio MP3 project. Innovative technical features and top-grade components make the Piaggio MP3 a truly unique vehicle that re-invents the entire scooter concept. The Piaggio MP3 frame in high-tensile steel tubes is the result of the best CAD technology and computerized FEM (Finite Element Method) analysis. Elements such as frame strength and weight were precisely defined and tested from the initial phases of the project, with the suitability of each solution checked at every stage. The innovative parallelogram suspension, an original Piaggio design, is anchored to the frame. The tilt mechanism is composed of four cast-aluminium control arms with four hinges fixed to the central tube and two guide tubes on either side of the parallelogram, connected to the arms via suspension pins and ball bearings. The tubes on the right and left enclose the steering tube in a classic singlearm setup. The Piaggio MP3 uses three 12″ wheels with large tyres – 120/70 front, 130/70 rear. Together with the revolutionary front suspension, the wheels provide a tilt angle of up to 40° while riding like any normal two wheeler and simultaneously ensuring better road grip on any surface, especially slippery tracks. The parallelogram suspension also ensures increased stability at high speeds: the Piaggio MP3 grips the road firmly, with no wobbling, even when tailing large vehicles. At the rear, the cycle parts feature a singlearm suspension with two dual effect hydraulic shock absorbers, a helicoidal spring and four-position preload. Besides its exceptional stability, the Piaggio MP3 also provides brilliant braking thanks to three powerful linked brakes, 240 mm in diameter, and the parallelogram suspension. The result is record deceleration (about 8 m per second) with braking space reduced by over 20 per cent on normal road surfaces and as much as 24 per cent on slippery roads compared to a traditional two-wheel scooter. Design The Piaggio MP3 has innovative, eye-catching styling while maintaining a clear resemblance to the Piaggio GT (Gran Turismo) range. The new two-wheel front assembly doesn’t detract in the least from the Piaggio MP3’s sleek styling. Its size and proportions are those of a normal compact GT scooter, with an overall front-end width of only 420 mm. As a result, the Piaggio MP3 can be type-approved as a standard two wheeled motorcycle. CAD-designed down to the last detail, the Piaggio MP3 body offered excellent protection starting from the wind tunnel, where it was extensively tested. The front-end design is genuinely innovative in terms of technical features and concept, with car-style bodywork treatment. The headlamps and front fairing merge to form a single unit that enhances the vehicle’s dynamic look as well as providing extra rider protection. Shock-resistant splashguards on either side of the front shield protect the rider and the vehicle. The rear loading section has been designed to offer maximum comfort and storage capacity: a boot lid painted the same colour as the bodywork provides access to the under seat storage. A substantial 65-litre storage capacity and dual access to the storage area, from the boot lid as well as by flipping up the seat, make the Piaggio MP3extremely practical. The storage area comfortably holds two full-face helmets, a small bag and objects up to a metre in length. The under seat storage also has a courtesy light and a seat cover for use when parking in rainy weather. The most advanced calculation programmes and three-dimensional measurements were carried out from the initial phase of the Piaggio MP3 project to enhance the vehicle’s ergonomics. The result is a vehicle that offers top-of-the-line comfort, safety and ease of use. The front shield provides exceptional protection. An extremely comfortable seat adapted to riders of any size has been made to measure for the Piaggio MP3. Generous padding and the shape of the built-in backrest provide perfectly ergonomical seating, while saddle height of a mere 780 mm from the ground makes the vehicle easy to manoeuvre in any circumstances. The optimal height difference between the front and the rear parts of the saddle and ideally located rear handgrips ensure passenger comfort and protection.The Piaggio MP3 is available in four metallic colours that enhance its size and styling: Sky Blue, Cherry Red, Excalibur Grey and Graphite Black. On the road Let’s ride now this amaing vehicle. The position of the seadle is very comfortable, as it is only 780 mm high from the ground. The protagonist of this test ride is for sure the powertrain. The offer range goes from the little 125 cc, to the great 250cc unit, the one whom we tested, and which is, for sure, the most suitable for this three-weeler. Maybe people is not used to news, and Piaggio Mp3 represents a real innovative motorcycle. It is impossibile to believe that those two front wheels, once they are running, they become the same thing, and the rider feels like riding on a standard two-wheels vehicle. The only difference is a much more improved stability at every speed and control on the road. Three wheels and two engines The Piaggio MP3 is available in two engine displacements, a Piaggio Quasar 250 i.e. and a Leader 125. The Quasar 250 i.e. is the all-new Piaggio 4-stroke, 4-valve, liquid-cooled engine that already meets Euro 3 standards. The new Quasar electronic injection series is the result of the Piaggio engine division’s commitment to creating a truly top quality, environment-friendly engine. The advanced closed loop injection with a Lambda sensor, together with a three-way catalytic converter and electronic ignition control system, considerably reduces emissions as well as fuel consumption and provides immediate throttle response. As a result, the Piaggio MP3is fun to ride, quick off the mark in town traffic and comfortable with short motorway trips as well as extended touring. The Piaggio MP3 125cc version uses a latest-generation 4-stroke, 4-valve, liquid-cooled Leader engine, also compatible with Euro 3 standards. The improved variator provides for an even smoother and more progressive power output, enhancing the easy-ride features of this engine category, perfectly suited to town commutes. The Piaggio MP3has an exceptional distance range thanks to low fuel consumption by both engines (about 25 km/l) and a sizeable 12-litre fuel tank.

Su strada La posizione in sella è molto comoda e confortevole. Grazie ad un’altezza da terra di soli 780 mm, il contatto con l’amico asfalto è garantito alla perfezione anche ai non baciati in fronte dalla Dea altezza! Ad ogni modo, Piaggio Mp3 può autosostenersi anche senza l’ausilio del cavalletto. Un elettroattuatore aziona, tramite trasmissione meccanica, la pinza centrale di blocco-rollio e manda in pressione un circuito idraulico che agisce sulle pinze di blocco ammortizzatori. Grazie a tale sistema è infatti possibile bloccare il rollio dell’avantreno anche agli stop, evitando così di dover posizionare i piedi a terra. La centralina di controllo consente l’attivazione dell’elettroattuatore, dopo che il pilota ha azionato il pulsante, solo nel caso in cui la velocità del veicolo sia compresa tra 23 km/h e 10 km/h, a seconda della decelerazione rilevata (maggiore è la decelerazione, maggiore è la velocità consentita). Per disinserirlo basta agire direttamente sul pulsante di blocco-rollio, posto sul blocchetto di destra, oppure è sufficiente accelerare superando i 3000 giri ed il sistema si disattiva automaticamente. Protagonista del test è Piaggio Mp3 motorizzato 250 i.e. La scelta di propulsori varia dal piccolo 125 cc, un po’ troppo sottodimensionato per i suoi 200 kg, al modello da 250cc protagonista della prova di Infomotori.com. Ovviamente, viste le caratteristiche dei tre monocilindrici che spingono buona parte della gamma Piaggio, quello che meglio risponde alle esigenze di questo mezzo è senz’ombra di dubbio la versione in prova da 250 cc. Con i suoi 22 cavalli ad 8250 giri, ma soprattutto grazie alla coppia massima di 21 Nm a 6750 giri, questo motore garantisce un ottimo spunto fin dai bassi giri, garantendo una progressione lineare e corposa senza vuoti o cali. Le novità, a volte, non piacciono perchè vanno a sconvolgere le nostre piccole certezze, fatte di semplici consuetudini che ci garantiscono quella costante continuità che non porta ad osare. Piaggio Mp3 rappresenta proprio tutto ciò che obbliga ad osare.

Piaggio MP3 – Test Ride. Piaggio apre le porte alla nuova frontiera della mobilità. Esagerato? Non se si prova un Piaggio Mp3. Assurdo, incredibile e divertente: questi i primi tre aggettivi che balzano alla mente mentre ci si avvicina e si dà voce al nuovo “scooter” della Casa di Pontedera. Assurdo, perchè è fuori da ogni canone estetico: il frontale è corto, largo ed ospita le sue assolutamente esclusive due ruote. Incredibile, per ciò che dimora sotto il curioso scudo anteriore. Divertente, perchè è veramente un mezzo unico: in grado di aprire, nel vero senso della parola, una nuova via alla mobilità. Bisogna farci un po’ l’occhio, soprattutto per via delle due ruote anteriori affiancate, ma la linea è assolutamente esclusiva e, una volta abituati alla novità, anche molto interessante. “Due sono meglio di una!” Vero fiore all’occhiello di Piaggio Mp3, arpionato ad un telaio in tubi d’acciaio altoresistenziale, non può che essere la sospensione a quadrilatero articolato, mai vista fino ad ora in un mezzo di serie. Progetto originale Piaggio, il meccanismo di rollio è composto da quattro bracci fusi in alluminio, articolati su altrettante cerniere solidali al cannotto centrale, e da due cannotti laterali collegati ai suddetti bracci mediante perni e cuscinetti a sfere. All’interno dei cannotti laterali ruotano il tubo sterzo destro e quello sinistro, in un classico schema monobraccio. A tale struttura sono ancorate due ruote da 12”, gommate con pneumatici da 120/70 e che, grazie alla sospensione a quadrilatero articolato, consentono angoli di piega fino a 40°, mantenendo praticamente inalterate le dinamiche di guida di un tradizionale mezzo a due ruote. Due ruote davanti non vuol dire solo effetto scenico, ma anche e soprattutto tanta sicurezza, fatta di una tenuta di strada senza precedenti su ogni tipo di superficie e spazi di frenata da primato. Grazie ai 3 dischi da 240 mm, stretti da altrettante pinze a doppio pistoncino da 30 mm, gli spazi di frenata subiscono una riduzione di addirittura il 20%.

Spazio, spazio ed ancora spazio Parola d’ordine per uno scooter è “spazio”. Piaggio Mp3 non può quindi che raccogliere la sfida offrendo una capacità di carico di ben 65 litri, accessibile dal portellone e dalla sella. Grazie alla comunicabilità fra i due vani, Piaggio Mp3 può ospitare due caschi integrali, lasciando ancora dello spazio per una piccola borsa. Sfruttando tutta la superficie longitudinale, invece, si possono riporre oggetti della lunghezza anche di un metro; il tutto con la semplice pressione di un pulsante della chiave, per aprire la sella, e di un click del blocchetto d’accensione per il portellone. Anche l’occhio vuole la sua parte Innovativo, capiente, ma anche bello. Come si diceva, la linea di Piaggio Mp3 richiede un po’ di tempo per essere apprezzata. L’assoluta esclusività dell’anteriore ha imposto ai designer un notevole sforzo per “nascondere” le due ruote e nel contempo contenere sensibilmente gli ingombri. Avere uno scooter sicuro e pratico in città, ma non poter sfruttare una delle caratteristiche peculiari di questi modelli, ovvero lo “svicolare” nel traffico, l’avrebbe penalizzato non poco nei confronti dei tradizionali mezzi a due ruote. Un ingombro troppo elevato non avrebbe poi consentito l’immatricolazione di Piaggio Mp3 come tradizionale motociclo a 2 ruote, ma, grazie ad un ingombro della carreggiata anteriore di soli 420 mm, il tre ruote Piaggio si posiziona come proporzioni e dimensioni, a valori molto simili a quelli di uno scooter GT compatto. Il doppio faro, dalla forma a goccia allungata, seguendo fedelmente le linee filanti del frontale, preannuncia un cupolino fumè che protegge una strumentazione molto completa e ben leggibile. Come decorazione della curva dei passaruota dimorano gli indicatori di direzione, ottimamente integrati nella struttura e che concorrono ad alleggerirne le linee, altrimenti molto appesantite dalle forme tipiche delle frecce. L’innovativo anteriore si amalgama perfettamente alle già note linee ereditate da Piaggio X8, offrendo così uno scooter dalle linee compatte ed armoniche, egregiamente calcolate per il traffico cittadino e per gli angusti parcheggi.

Tag:

- Autore Infomotori

ADV e News che potrebbero interessarti: