Test Honda CB 500X: divertimento e facilità immediata!

La Honda CB500X è una moto a tutto tondo, spinta dal bicilindrico da 471cc offre 48CV di potenza per essere guidata con la patente A2. è una moto dinamica e pronta, che consuma poco e costa il giusto: servono 6.490€ per portarsela a casa. L'abbiamo provata in Sardegna, ecco come va la Honda CB500X, il Crossover per tutti

Il progetto della CB500X si è rivelato azzeccato sotto tutti i punti di vista. Le migliaia di clienti che, non solo in Europa, l’hanno scelta per i propri trasferimenti quotidiani e per i viaggi ne sono entusiasti. Merito del bellissimo telaio in acciaio con struttura a
diamante e del grintoso motore bicilindrico parallelo da 471cc, con distribuzione bialbero a 4 valvole per cilindro, capace di erogare una potenza massima di 35 kW (48 CV), appositamente scelta da Honda per rientrare nei limiti della patente A2.

52_AL1R1071Punto forte di questa moto sono i consumi, sul modello 2016 migliorano ulteriormente. La nuova CB500X ha infatti un consumo dichiarato di ben 29,4 km/l (ciclo medio WMTC), un record per la categoria e un’ottima notizia per chi, oltre alle prestazioni globali, ha a cuore anche al proprio portafoglio (e grazie ai consumi migliorati amplia ulteriormente l’autonomia a oltre 500 km).

Rispetto al modello precedente le novità sono tante altre, come i gruppi ottici che ora sono a LED con lente ‘bianca’, il parabrezza più alto che cresce in altezza di ben 10 cm, con le due regolazioni sia verso l’alto che in basso. La forcella è regolabile nel precarico molle, la leva del freno anteriore è regolabile nella distanza dalla manopola, il serbatoio è più capiente e ha il tappo incernierato, il mono ammortizzatore presenta un set-up più rigoroso, il selettore del cambio è stato riprogettato per rendere più fluido l’inserimento delle marce.

Infine la pinza freno anteriore, con disco wave da 320 mm, pinza a 2 pistoncini mentre per il posteriore da 240 mm, con pinza a 1 pistoncino, ABS.

I cerchi da 6 razze sdoppiate montano gomme caratterizzate dal battistrada con disegno on/off che permette di affrontare in FW7C0527scioltezza anche gli sterrati, di misura 120/70 17 e 160/60, sempre da 17, l’ABS come nella precedente versione è di serie.
Invariato, ma pur sempre completo e ben leggibile, il cruscotto digitale con schermo LCD, posizionato in alto, appena sotto lo sguardo del pilota, per essere rapidamente consultabile in ogni condizione di guida e di traffico. Offre le consuete indicazioni del contagiri, del contachilometri e del livello carburante, più l’utilissimo trip computer per i consumi e l’orologio. Il sistema HISS (Honda Intelligent Security System) è incorporato nell’accensione ed impedisce l’avviamento in assenza della chiave codificata.

Com’è fatta la CB500X

Grande novità, nel senso vero e proprio dell’aggettivo sono nel motore. Il motore della CB500X è innovativo sia dal punto di vista delle prestazioni che da quello ambientale. Si tratta di un propulsore bicilindrico parallelo frontemarcia con raffreddamento a liquido e distribuzione bialbero a 4 valvole per cilindro, molto leggero per un picco di potenza pari a 48 CV (35 kW) a8.500 giri/min e una coppia massima di 43 Nm a 7.000 giri/min.

34584_CB500X_2016_Static_002_AdditionalFileLe misure di alesaggio e corsa leggermente superquadre (67×66,8 mm) sono state scelte perché mixano alla perfezione una solida erogazione di coppia alla capacità di raggiungere elevati regimi di rotazione. La fasatura dell’albero a gomiti è di 180° e un
contralbero di bilanciamento primario è posizionato dietro ai cilindri, vicino al baricentro della moto. Tra gli ingranaggi della primaria e del contralbero un ingranaggio intermedio riduce drasticamente la rumorosità mentre le mannaie dell’albero a gomiti sono appositamente sagomate per ottenere un perfetto bilanciamento, che rendono un’erogazione dolce della potenza e una grintosa vivacità nel salire di giri.

La proporzione della triangolazione tra albero motore, albero della trasmissione primaria e del contralbero è del tutto simile a quella dei motori Honda della serie supersportiva RR a 4 cilindri, così come avviene per la struttura del cambio a 6 rapporti, permettendo la realizzazione di un motore compatto in senso longitudinale.

Tra gli aggiornamenti del modello 2016 è importante notare il miglioramento delle operazioni di cambio marcia, più fluide, morbide e ancor più precise grazie al meccanismo del selettore riprogettato e dotato di molla dal carico rivisto.

Massima attenzione da parte degli ingegneri Honda anche per il sistema di raffreddamento. L’analisi dei flussi del Il basamento sfrutta canne dei cilindri con pareti sottili ottenute per colata centrifuga, mentre la medesima spaziatura della CBR600RR tra i cilindri garantisce compattezza e leggerezza. All’interno del telaio con struttura a diamante, il motore contribuisce alla rigidità complessiva, ed è ancorato sia posteriormente che con quattro supporti anteriori (due sulla testa e due sulla bancata cilindri).

15_AL1R9684Particolare attenzione è stata riservata anche alla conformazione interna del carter, al fine di ridurre drasticamente le perdite per pompaggio che possono verificarsi con il manovellismo di 180°. Grazie all’utilizzo dello stesso tipo di struttura dei carter realizzato per la CBR1000RR, la pompa dell’olio si avvantaggia di una migliore areazione e quindi di un ridotto attrito, di cui
beneficia anche la compattezza della profonda coppa dell’olio.

Il Telaio in tubi di acciaio da 35 mm di diametro con struttura a diamante è leggero e resistente, pensata anche per offrire il massimo comfort nei lunghi spostamenti quotidiani e nelle gite dei weekend. La forma e la posizione dei supporti motore, unita al perfetto equilibrio tra rigidità e flessibilità del telaio, minimizzano inoltre le vibrazioni, rendendo la guida ancora più confortevole.

L’interasse di 1.420 mm, associato a un’inclinazione del cannotto di sterzo di 26,5° e a un’avancorsa di 108 mm, garantiscono grande agilità e allo stesso tempo una rassicurante stabilità anche nei cambi di direzione. Il peso drlla piccola Honds CB 500X con il pieno di benzina è di appena 196 kg e grazie alla sella a soli 810 mm da terra e al largo manubrio, nemmeno le più difficoltose manovre di parcheggio rappresentano un problema.

Il mono ammortizzatore regolabile nel precarico molla e con leveraggio progressivo Pro-Link offre comfort e stabilità anche su manti stradali disconnessi. Sui cerchi in lega leggera a 6 razze sdoppiate sono montate coperture nelle misure 120/70-17” e 160/60-17”, caratterizzate dal battistrada con disegno on/off che permettono di affrontare qualsiasi percorso in totale sicurezza.

La nostra Prova.
27_AL1R0087

Anche una volta in sella alla piccola Honda mi accorgo che ti senti subito a proprio agio in quanto la sella ben sagomata a 81 cm da terra consente un ottimo appoggio a terra anche per le stature più basse. Il manubrio alto e largo, oltre che dotato di tutti i comandi necessari a portata facilita l’utilizzo anche nel traffico.

Partiamo per il nostro giro e dopo un inizio tranquillo che ci conduce per i 200 km da programma oltrepassato l’abitato, ci si ritrova catapultati in uno splendido scenario naturale, lungo la strada misto stretta che sale intorno a Chia (CA), con curve da pennellare una dietro l’altra la CB 500 X assorbe senza incertezze le curve garantendo sempre un’ottima stabilità.

Puoi ritardare l’entrata nelle curve come vuoi anche a bassa andatura ci si diverte lo stesso! In più la protezione aerodinamica offre al pilota un’eccellente protezione da vento e intemperie in quanto il parabrezza è stato allungato di 10 cm rispetto al modello precedente, offrendo al pilota un’eccellente protezione annullando le turbolenze intorno al casco. Abituato alle maxi-sportive sentire l’anteriore leggero è una realtà, ma giusto il tempo di prenderci la mano e ho cominciato a divertirmi tra le curve. Si guida con disinvoltura e anche alla massima velocità “consentita dal codice della strada” la stabilità non viene mai meno.

FW7C0496Il misto stretto e medio sono la sua specialità, ma con la giusta dose di aggressività, una moto facile e agile, perfetta per tutti, anche come prima moto …. perché è certamente una moto equilibrata anche quando non si azzeccano le traiettorie.
A regalarti ancor più confidenza nella guida c’e’ il suo motore (bicilindrico in linea frontemarcia, bialbero 8 valvole) con un’accelerazione progressiva fin dai bassi regimi, con un un’accelerazione progressiva, mai troppo repentina ed un cambio ancor più preciso grazie al meccanismo del selettore riprogettato e dotato di molla dal carico rivisto.

Promosso anche l‘impianto frenante che, forte di un sistema ABS di serie ben tarato, ha una risposta pronta e ben modulabile. Si rivela vigoroso e tenace anche quando viene chiamato in causa, offrendo sempre sicurezza. Le sospensioni sono tarate un pelo morbide ma nel nostro utilizzo fanno comodo, le buche vengono assorbite al meglio.

Per quanto riguarda i consumi non riuscivo a credere ai miei occhi, “pensavo si fosse rotta la sonda benzina”, in realtà i numeri parlano chiaro: 27 km con un litro! Mica male la signorina.

Già disponibile nelle concessionarie, la Honda CB500X ha quattro varianti cromatiche disponibili, bianco nero e rosso con grafiche colorate riprese su fianchetti . La nuova Honda CB500X MY 2016 è a listino a 6.490 euro, mentre la Travel Edition ne costa 7.280.

Pregi 
Guidabilità | ABS di serie | Consumi|
Difetti
Mancanza indicatore di marcia inserita|

Abbiamo vestito:
Casco: SCORPION EXO CRYSTAL
Giacca: ALPINESTARS
Pantaloni: OJ
Scarpe: ALPINESTARS
Guanti: ALPINESTARS

 

- Autore Gianluca Cuttitta

ADV e News che potrebbero interessarti:
X