Yamaha Midnight Star 1300

La Casa del Diapason guarda al 2007 con una cruiser grande e potente

Yamaha Midnight Star 1300. Se diciamo Yamaha, la mente vola immediatamente ai successi del Dottor Rossi in sella alla sua M1 ed alle versioni supersportive della Casa nipponica, capace di regalare vere emozioni da circuito. Questa volta però, la Casa del Diapason abbandona le piste per le lunghe Highway americane, terreno di caccia delle intramontabili custom, seconda anima del motociclismo.
Tra le novità 2007 ecco fare il suo debutto la nuova Yamaha Midnight Star 1300: una cruiser grande e potente. Rispetto al modello attuale, le novità non sono certo poche. A parte la ventata di potenza in più offerta dall’incremento di ben 200 cc, la nuova Yamaha Midnight Star 1300 presenta delle caratteristiche molto particolari, usualmente più consone a moto di ben altro segmento.
Dal punto di vista estetico, non ci sono certo dubbi sulla sua natura. Linee morbide e generose accompagnano l’occhio del centauro per tutta la lunghezza della moto, mentre il manubrio, dall’abbondante curvatura, abbinato alla sella bassa ed alle pedane avanzate, invitano all’indiscutibile posizione “Custom”.
Motore che sorride ai “fratellini” pistaioli Difficile crederlo? Chiaro che sì, e noi di Infomotori.com certo non siamo qui per convincervi di questo…. Ad ogni modo il paragone non è poi così sbagliato ed assurdo. Diverse caratteristiche del nuovo V-Twin raffreddato a liquido, si addicono più a propulsori corsaioli che a “pachidermici” custom, ben adatti a macinare chilometri e chilometri ad andature tranquille e rilassate piuttosto che aggredire cordoli a 14000 giri… A dar sostegno a questa nostra strampalata tesi concorrono gli immancabili dati di “alesaggio e corsa”, numeri che indicano il diametro del pistone e la sua escursione verticale.

Il rapporto 100×83 mm, denominato “superquadro” perchè il diametro del pistone è superiore alla sua escursione verticale, è infatti più consono a moto da corsa dato che necessitano di camere di combustione più ampie con corse più veloci. Per non deludere gli amanti del caratteristico “borbottio”, il V-Twin da 1306 cc è stato realizzato con un angolo a V di 60°, in grado già da solo di offrire un ottimo invito al sound tipico del segmento. A dar manforte si sono poi aggiunti gli scoppi irregolari dei due cilindri: uno dopo 300° e l’altro dopo 420°, capaci di completare degnamente l’opera.
Le novità – e le stranezze – non si fermano certo qui. Un’altra caratteristica particolare di questa Yamaha Midnight Star 1300 è senza ombra di dubbio la sua disposizione delle masse. Il telaio rispetta appieno la tradizione grazie alla sua doppia culla in acciaio ed alla forcella da 41 mm. Le novità investono invece la distribuzione delle masse: ora più rivolte verso l’anteriore con un 5% in più rispetto al modello da 1100 cc. Tale scelta, ovviamente inusuale per il mondo delle custom, favorirebbe – a detta dei tecnici Yamaha – il piacere di guida ed il feeling con il mezzo.
Impianto frenante pronto a tutto! Cotante cubature e masse non possono che essere frenate nella loro foga inerziale da un degno impianto. All’anteriore l’importante compito è affidato ad una coppia di dischi da 298 mm stretti da pinze a doppio pistoncino. Al posteriore alloggia un disco di pari diametro, incaricato di gestire una gomma da 170/70.
Di prezzi al momento non si parla, ma possiamo certamente affermare che la somiglianza con il mondo delle quattro ruote non sarà solo per le cubature del propulsore…

Here are the photos of the new Yamaha Midnight Star 1300

- Autore Infomotori

ADV e News che potrebbero interessarti: