EICMA 2018, tutte le novità Ducati da Panigale V4 R alla nuova gamma 950

Presentate come sempre in anteprima le novità Ducati che si potranno vedere a Eicma 2018. Non ci sono veri e propri modelli nuovi ma le novità non mancano, vediamo cosa potremo vedere in fiera a Milano

Che le corse siano il punto focale di Ducati non c’è dubbio, e anche la presentazione parte infatti dal dream team del 2019 che vedrà due piloti italiani, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, in sella alla rossa della MotoGP. Le scelte operate sulle moto di MotoGP verranno piano piano portate anche sulle moto di serie, a cominciare dalle supersportive per poi arrivare a tutta la gamma.

Ma se sono pochi quelli che sanno portare al limite le moto Ducati in pista sono ben di più quelli che possono vivere le emozioni sulle strade di tutti i giorni… ma vediamo quali saranno le novità per il 2019.

Scrambler
Parlando di emozioni non si può non partire dal mondo Scrambler, quasi un marchio nel marchio. I modelli 2019 rappresentano una rivisitazione importante che non riguarda l’immagine ma i componenti di dettaglio e la componente elettronica, che comprende il cornering abs (unica moto del settore ad averlo in dotazione) ora di serie su tutta la gamma Ducati.
Anche per il 2019 si confermano oltre alla Icon la Café Racer, la Desert Sled e la Full Throttle ispirata al mondo del flat track. Tre personalità per la stessa moto che può essere personalizzata per ottenere la “propria” moto su misura.

Monster
Oltre 330.000 moto vendute, la naked sportiva è il modello Ducati più diffuso al mondo e che è stata proposta in tante versioni e cilindrate. Nel 2019 sarà la volta della versione 821 Stealth caratterizzata da una livrea nera opaca con grafiche rosse e dotata di quick shift, forcella regolabile, e cupolino.

Multistrada 1260 Enduro
Con una Multistrada nessun luogo è lontano… soprattutto in sella alla nuova Multistrada 1260 Enduro. Raffinato rispetto al modello presentato nel 2016 rappresenta il modo in cui Ducati vuole far convivere design, funzionalità e prestazioni a cui nel m.y. 2019 si aggiunge la facilità di utilizzo. Ricca la dotazione che vede sospensioni elettroniche con sistema Ducati Skyhook Suspension (DSS), Ducati Quick Shift up & down (DQS), faro anteriore full-LED, display TFT a colori da 5”, sistema Hands Free, Cruise Control e comandi al manubrio retroilluminati.
Anche la Multistrada 950 compie un altro passo avanti: cornering abs, frizione idraulica, gestione martenze in salita, nuovi cerchi. Nuova è invece la versione 950 S, più evoluta in termini di dotazione che eredita dalla 1260.

Hypermotard 950 m.y. 2019
Per chi concepisce la moto come un compagno di giochi ecco la nuova Ducati Hypermotard. Design, funzionalità e divertimento sono il fulcro di questa nuova Hypermotard, che è tornata per far vivere le emozioni che questo genere di moto regala. Ciclistica, motore ed elettronica sono evolute e grazie a un attento lavoro di rifinitura è più potente, leggera e agile. Più leggera di 4Kg rispetto al modello precedente, la nuova Hypermotard 950 è spinta dall’evoluzione del bicilindrico Testastretta 11° 937 cm³, più potente con i sui 114 CV, più corposo nell’erogazione e con una nuova elettronica di gestione. Il pacchetto elettronico della Hypermotard 950 comprende l’ABS Cornering Bosch con funzione Slide by Brake, il Ducati Traction Control Evo (DTC EVO), il Ducati Wheelie Control (DWC) EVO e il Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO (di serie sulla versione 950 SP e disponibile come accessorio sulla 950).
Hypermotard sarà presente anche la versione SP, ancora più estrema e con dotazioni ancora più esclusive.

Nuovo Ducati Diavel
O lo ami o lo odi, è una moto che non lascia indifferenti e che oggi è totalmente rinnovato pur mantenendo la personalità del Diavel: prestazioni da naked, confort da cruiser. Una moto a sé che emoziona per le forme e per il comportamento su strada. Nuovo motore da 1260 e beneficia di tutti gli incrementi che questo motore offre anche su altri modelli: 159 CV (117 kW) a 9.500 giri/minuto e 129 Nm (13,1 kgm) a 7.500 giri/minuto con una curva di coppia assolutamente godibile, che permette accelerazioni brucianti e al tempo stesso offre una regolarità ai bassi regimi ideale per un uso quotidiano oppure turistico della moto.
E’ stata realizzata anche una versione S con sospensioni, freni e cerchi di alto livello.

Ducati Panigale
Verrà proposta nella versione S Corse con la colorazioe del modello con cui Pirro ha vinto la Race of Champions, ma soprattutto sarà disponibile la Ducati V4R, la quattro cilindri che correrà nel mondiale sbk l’anno prossimo. Finisce l’era del Ducati bicilindrico, ora si apre l’era del 4 cilindri e speriamo che potrà essere vincente come la precedente!
La moto è molto diversa esteticamente, 38 mm per lato più larga per coprire il pilota, con ali in carbonio che fanno parte del pacchetto aerodinamico e tutte le esperienze del mondo MotoGP sono portate su questa Sbk. Impressionanti le prestazioni: 221 Cv per la versione omologata euro 4, che diventano 234 per la versione pista con scarichi full racing non omologati per la strada, raggiungendo potenze superiori a quelle della MotoGP con cui Stoner ha vinto il campionato del mondo.

E-bike Ducati Migg RR
Anche questa e-bike da fuoristrada risponde al dna Ducati. La e-bike nasce nella collaborazione tra Ducati e la Thok: sospensioni a corsa lunga, motore elettrico Shimano e batteria da 500 W/h con componenti di grande pregio e dove la Migg RR va a occupare la fascia in top di gamma. Sinceramente però, l’entusiasmo lo teniamo per le altre due ruote Ducati.

- Autore Paolo Covassi

ADV e News che potrebbero interessarti: