Yamaha Majesty 400 2009

Presentato all'Eicma di Milano il maxiscooter top-seller Yamaha. Dopo quattro anni torna con una nuova carenatura e nuovi colori

Leggi il nostro test drive del nuovo Yamaha Majesty 400!

Yamaha Majesty 400 ABS 2009. Torna dopo quattro anni dall’uscita del modello precedente uno dei maxiscooter più apprezzati dagli italiani. Secondo le prime indiscrezioni non ufficiali sembrava che il Majesty dovesse essere presentato in un’inedita versione sport come per il mercato giapponese. Invece per l’Europa è stata scelta una linea differente, mantenendo un certo familiy feeling insieme ad una veste più moderna e rinnovata. Ora il Majesty, grazie ad alcune significative modifiche, appare più snello e agile. E’ stata completamente rivista infatti la carenatura, il gruppo ottico anteriore a “farfalla” e il posteriore alleggerito ne accentuano la sportività senza però rinunciare alla comodità e agli ampi vani portaoggetti sottosella del modello precedente. Il cuore di Majesty 400 è un leggerissimo motore in alluminio. Montato sul rigido e reattivo telaio pressofuso in alluminio e acciaio, il propulsore Yamaha da 395 cc a quattro tempi contribuisce ad abbassare il baricentro, migliorando il controllo a qualsiasi velocità. Il freno anteriore con due dischi da 267 mm e il freno posteriore monodisco da 267 mm riducono gli spazi di frenata e grazie alla possibilità di installare come optional l’ABS, la sicurezza è notevolmente aumentata. Autonomia di serbatoio ampia visti i 14 litri disponibili e consumi ed emissioni ridotte completano le caratteristiche tecniche più innovative. La Yamaha è la prima poi ad adottare su uno scooterone la tecnologia a led per il gruppo ottico posteriore che, abbinata a tre nuove colorazioni decisamente modaiole, rendono veramente innovativo il Majesty 400.

- Autore Infomotori

ADV e News che potrebbero interessarti: